PAPER People: Pom Klementieff

2022 | Paper People 2018

Chanel CARTA è sempre stato un luogo di opportunità, un luogo che mette in luce nuovi talenti e persone che stanno facendo cose straordinarie. Abbiamo trascorso più di 20 anni a presentarti il ​​numero Beautiful People, che identificava persone straordinarie che facevano le cose in modo diverso e utilizzavano la loro creatività, idee e successo per trasformare la cultura e creare nuove opportunità per artisti, pubblico e fan. Quest'anno abbiamo deciso di rinominare il portfolio e chiamarlo esattamente per quello che è: CARTA Persone. - Drew Elliott , Redattore capo

Correlati | Incontra il 2018 CARTA Persone



Un delicato moggio di violette è tatuato sull'avambraccio destro di Pom Klementieff. Un fiore così piccolo; una presenza così espressiva », tuba. L'attrice francese di 32 anni, bionda ossigenata (di discendenza coreana, russa e francese) avrebbe potuto anche descrivere se stessa: sebbene lieve nella struttura, è il tipo da raggiungere i bordi della sua kinesfera per l'eccitazione su un argomento , discorso punteggiato da risate allegre. Potresti riconoscerla dal suo ruolo di Mantis nel 2017 Guardiani della Galassia Vol. 2 e del 2018 Avengers: Infinity War , ma Klementieff ha brillato anche in piatti meno ricchi di azione come la commedia nera dell'anno scorso Ingrid va ad ovest , in cui è apparsa al fianco di Aubrey Plaza ed Elizabeth Olsen. Klementieff, che ha abbandonato gli studi di legge, dice che se c'è una cosa che potrebbe riassumere abbastanza la sua carriera fino ad ora, potrebbe essere il suo abbraccio di correre dei rischi. Fanculo ... dovresti solo provare ', dice. Crea qualcosa che puoi condividere con le persone. '



Raccontami un po 'di te e della tua educazione.

fa bene ai tuoi capelli

Sono nato in Quebec e ho vissuto lì per un anno. Ma sono francese, non canadese. Alcune persone commettono questo errore perché sono nato [in Canada] ma non conta. Mio padre era un diplomatico e quindi sono nato lì grazie al suo lavoro. Ho provato due volte a ottenere la doppia nazionalità e hanno detto 'no' due volte, quindi sono solo francese. Quando le persone cercano di dirmi che sono canadese, dico 'No, no, no. Ho provato! No!' E in realtà, l'ultima volta che ho dovuto promuovere Vendicatori in Canada si sono dimenticati di richiedere il visto, quindi non ho potuto prendere l'aereo.



Comunque, ho passato un anno in Quebec, due anni a Kyoto, un anno in Costa d'Avorio e poi in Francia. Sono cresciuto per la maggior parte della mia vita in Francia con la mia famiglia francese. Mia madre è coreana e mio padre è russo e francese. Sono cresciuto a un'ora da Parigi in campagna e poi sono andato a Parigi quando avevo 16 anni. Mi sono trasferito a LA circa 6 anni fa e ora sto pensando di passare più tempo qui [a New York] e magari trasferirmi qui.

Oh veramente? Cosa ha fatto nascere il desiderio di trasferirsi a New York?

Non lo so. Voglio solo esplorare qualcosa di diverso e correre dei rischi. Ti abitui alle cose ed è bello scuotere un po 'le cose.



Vengo dal Ghana, quindi è interessante sapere che hai vissuto in Costa d'Avorio - Costa d'Avorio - per un anno. Quanti anni avevi quando vivevi lì? In che modo la tua educazione multiculturale ti ha influenzato come individuo e come attrice?

Avevo cinque anni [quando vivevo lì]. Ma l'ho adorato. Il fatto che viaggiassi molto quando ero piccolo e non mi affezionassi alle cose aiuta come attore. Avrei iniziato l'anno scolastico e sapevo che avrei dovuto lasciare le persone di cui ero amico entro la fine dell'anno. Mi ci sono abituato e forse è per questo che mi va bene girare un film e salutare le persone, tipo 'forse ti rivedrò, forse no'. È un po 'strano ma è anche bello. Mi sono davvero abituato a cambiare e non stare a mio agio e stare in posti diversi e adattarmi a persone diverse. Forse ho provato a ritrovarlo attraverso la recitazione.

Ma prima di iniziare a recitare a Parigi, andavi a scuola di legge, giusto?

Sì, quando mi sono trasferito a Parigi, sono andato alla facoltà di giurisprudenza per rassicurare la mia famiglia ma non era proprio per me. Rispetto le persone che [frequentano la facoltà di giurisprudenza] ed è incredibile ma semplicemente non mi sono connesso. Quindi ho abbandonato e la mia famiglia non voleva più aiutarmi finanziariamente, il che capisco, quindi stavo vendendo vestiti e ad un certo punto facevo la cameriera. Alla fine, ho preso in prestito dei soldi dalla banca per andare alla scuola di teatro e ho scoperto che mi piaceva stare sul palco e creare personaggi. Ho pensato che fosse davvero divertente. Ho fatto un concorso teatrale (dopo appena due mesi di lezione di teatro) e ho vinto e mi ha dato due anni di lezione gratuita con i migliori insegnanti di Parigi.

Capi di abbigliamento Chanel

Cosa ha ispirato la decisione di provare anche a recitare in primo luogo?

Era qualcosa a cui pensavo quando ero piccola, ma pensavo che non sarebbe stato possibile e la gente mi diceva: 'Per uno come te sarà difficile sceglierti perché non sei caucasico'. Ma quando mio zio che mi ha cresciuto - era come mio padre - è morto a 18 annithcompleanno, ho pensato 'Fanculo! Le persone muoiono, la vita è breve, dovresti solo provare. ' E così ho preso lezioni di teatro. Mi sentivo al caldo e bene sul palco. È una sensazione, sai? È stato un po 'liberatorio, attraversi così tanti traumi nella vita e puoi usarlo, modellarlo e fare qualcosa con esso. Alcune persone fanno sculture, altre recitano, altre scrivono, ci sono tanti modi per usarlo e creare qualcosa che puoi condividere con le persone ... invece di piangere nella tua camera da letto (anche se è importante farlo). puoi anche condividere cose divertenti, non solo dramma. Puoi far ridere le persone.

Hai una preferenza tra teatro e film?

No, mi piacciono entrambi. C'è un film che amo tuono tropicale , ed è divertente che quando le persone chiedono 'Qual è il tuo film preferito?' la risposta di solito è 'è questo film di Terrence Malik davvero serio' o questo film di [Ingmar] Bergman - sai, qualcosa di veramente serio. Non dirai mai: 'Sì, lo è tuono tropicale 'ma anche questi film sono importanti, perché la vita è dura ed è importante ridere.

Come hai ottenuto il tuo primo ruolo cinematografico?

Il mio primo film si chiamava Apr è s lui ( Dopo di lui ). È stata una mossa indipendente, e sono stato scelto per il film facendo un'audizione alla scuola di teatro dove stavo prendendo lezioni. Era la mia prima audizione e ho ottenuto il ruolo. E grazie all'audizione ho avuto un agente e poi grazie all'agente ho ottenuto un secondo ruolo in un film francese ambientato nella Siberia orientale.

Com'è stato lavorare con qualcuno iconico come Catherine Deneuve nel tuo Apr è s lui ?

È stata un'interazione davvero breve. La gente ha un'idea di lei di essere fredda, anche se non lo è affatto. È molto divertente ed è fantastico lavorare con lei.

Qual è stata la tua esperienza girando il prossimo film in Siberia?

È stato pazzesco. Hanno costruito una tenda per farci vivere in mezzo al nulla. Quando dico da nessuna parte, intendo che c'è solo una strada che attraversa il paese e ci sono volute nove ore di guida per arrivare alla prima cittadina. Faceva freddo fino a 55 gradi sotto lo zero centigrado. Non avevamo servizi di telefonia cellulare o Internet. È stato difficile ma è stato davvero bellissimo. Non c'era inquinamento e non ci si poteva ammalare perché i microbi sarebbero stati uccisi dalla neve. Ho imparato a guidare una slitta di renne ea cavalcare le renne - oh mio dio, è pazzesco, ho sognato di cavalcare le renne la scorsa notte Comunque, ho girato il film con dei veri lupi ed è stato davvero incredibilmente bello ei nomadi che vivevano lì erano estremamente amichevole. Ci siamo divertiti moltissimo con loro nelle loro tende, facendo il pane, accarezzando i loro cuccioli. Non potevamo capirci davvero perché non parlavamo la stessa lingua ma avevamo una connessione. Abbiamo cercato di fargli capire. Ad un certo punto stavamo imitando Michael Jackson e Madonna e loro sapevano chi erano.

Come hai iniziato a lavorare e vivere negli Stati Uniti?

Ho recitato in Spike Lee Vecchio ragazzo e poi ha ottenuto un visto di lavoro ed è stato in grado di trasferirsi negli Stati Uniti. Ho lasciato tutto quello che avevo a Parigi e mi sono trasferito a LA. Ho persino lasciato i mobili sul marciapiede. Ero tipo 'Me ne vado da qui, cazzo. Ciao. Era spaventoso ma anche eccitante. È emozionante entrare in un posto nuovo come una pagina bianca e devi scrivere una nuova storia.

E per prepararti per il tuo ruolo in Vecchio ragazzo dovevi prendere lezioni di arti marziali?

L'ho fatto. Mi alleno ancora. Mi alleno con la mia amica, Jessen Noviello. Ha insegnato boxe, kick boxing, taekwondo. Non è solo un atleta straordinario, è un ottimo insegnante.

Hai dovuto affrontare sfide particolari nel tuo percorso professionale come donna e donna di parziale discendenza asiatica?

Sì, naturalmente. Sei spesso typecast. Cerco di evitare queste audizioni. Mi assicuro di provare a dare forma alla mia carriera. Vado solo con le mie viscere e so cosa sono in grado di fare. Non posso fare qualcosa se non è vero per me. È fantastico avere la possibilità di farlo almeno.

Cosa ne pensi del movimento #MeToo e delle sfide del settore rispetto al comportamento predatorio?

È spaventoso ed è anche bello. Ricordo che Brie Larsen venne da me e Danai Gurira sul set di I Vendicatori e mi ha parlato della lettera [Time's Up] da firmare e ho trovato davvero incredibile avere tutte queste donne - e anche uomini - insieme nella lotta per un mondo migliore. Le cose devono cambiare, quindi è fantastico che noi donne siamo unite e parliamo ora.

Parlando di I Vendicatori , com'è stato interpretare Mantis?

È così divertente. È strana, è speciale, è nel suo mondo e io faccio cose divertenti e mi piace farlo. Spesso in film come questo, i ragazzi fanno cose divertenti e le ragazze devono interpretare il ruolo di 'smettila di divertirti ragazzi', il che è fantastico, ma è bello avere un diverso tipo di donna. È divertente interpretarlo. Mi piace essere lo strambo. Le persone a volte vengono da me e mi dicono quanto amano il personaggio e sentono una connessione con Mantis perché loro stessi non sono così sicuri o non si sentono bene nella propria pelle. Per me è davvero toccante e importante che questo personaggio esista. Penso che anche l'arco narrativo di Mantis all'interno del film sia davvero interessante, perché non sa quanto sia potente. È cresciuta in un modo in cui non le è mai stato detto che era forte e che viveva in un modo molto mansueto e poi incontrare i Guardiani le ha aperto un nuovo mondo.

Un'ultima cosa: per favore parlami di questo tatuaggio sul tuo avambraccio.

Amo il lavoro di @Tattooist_Doy . Lo seguivo su Instagram da un po 'quindi quando stavo andando a Seoul per la promozione di Vendicatori, Ho pensato che mi sarei fatto un tatuaggio da lui. La sua prenotazione era piena ma gli ho detto che ero un grande fan e lui mi ha detto che amava il mio film, quindi mi ha prenotato e mi ha fatto un tatuaggio, la sua arte è davvero delicata. Sembra quasi pastello, non come un tatuaggio. Gli ho mandato una foto di fiori che mi ricordano mio zio che mi ha cresciuto. Sono violette. È un fiore che profuma molto e cresce nella foresta e mi ricorda l'erba bagnata e l'odore della foresta subito dopo la pioggia. È un fiore così piccolo ma ha una presenza così espressiva.

Fotografia di Ben Hassett
Styling di Mia Solkin
Capelli di Rudy Martins di The Wall Group
Trucco di Eric Polito al dipartimento artistico
Manicure di Kana Kishita
Tecnico digitale: Carlo Barreto
Primo assistente fotografico: Roeg Cohen
2 ° assistenti fotografici: Eric Hobbs e Chris Moore